NUOVI
PROGETTI

Nikita Dehtevics, utente del centro diurno Oasi, segue per la rivista "Semi di Bene" lo stato di avanzamento dei lavori sul cantiere.

 

Nei primi mesi del 2018 sono iniziati i lavori relativi alla ristrutturazione di Casa Giroggio. Lo stabile era stato già riattato nel 1995, quando era stato trasformato da struttura per bambini con camere doppie a casa con occupazione con camere singole per persone adulte.

Verranno sostituiti i serramenti ed i pavimenti, installato un impianto di climatizzazione e rifatti i servizi. Sono inoltre previsti interventi per rispettare le nuove norme di polizia del fuoco.

Il lavoro procede a tappe, con il trasferimento momentaneo degli utenti della casa nelle camere attualmente libere al primo piano di Casa Nava. La prima tappa si è conclusa agli inizi di settembre 2018. Il termine dei lavori è previsto per marzo 2019.

Casa Giroggio si compone di 4 unità abitative con 7 camere per piano, mentre al piano terreno si trovano i locali e le sale per le attività diurne.

Nella foto: l'ufficio postale di Sorengo (fonte: Google Maps).

 

La Posta ha deciso di chiudere l’attuale ufficio postale di Sorengo. L'OTAF ha manifestato il suo interesse a gestire l’agenzia postale e ad insediare nei locali attualmente adibiti ad ufficio postale il suo laboratorio di gravatura e un negozio per la vendita dei prodotti realizzati dai laboratori protetti.

Una vista della fattoria di Origlio, che ospita attualmente il laboratorio agricolo dell'OTAF.

 

La Fondazione OTAF, in prossimità della scadenza del contratto e ricevuta la disdetta da parte del proprietario, si è data da fare nella ricerca di una nuova sede per continuare a offrire delle attività agricole ai propri utenti. Presso l’antica Masseria Gerbone di Vezia, di proprietà della Fondazione Lanfranchini Domenico, l’OTAF ha individuato la futura sede. Il laboratorio agricolo affonderà dunque, per così dire, le sue radici - consolidate in quindici anni di crescita - nella fertile terra del complesso del Gerbone. Con lo sguardo rivolto a ponente sulla piana ottimamente soleggiata del Vedeggio e facendo capo a 20’000 metri quadrati di superficie, il futuro laboratorio prevede di ampliare ancora le attività ortofrutticole e di trasformazione dei prodotti. È convinzione di tutti che la Masseria Gerbone, da tempo abbandonata all’incuria, con il trasferimento progressivo nel corso dei prossimi anni delle attività agricole dell’OTAF, vivrà una rinascita. Resasi necessaria una variante al Piano regolatore, il complesso edilizio di origine cinquecentesca rappresenta una delle ultime testimonianze agricole del nostro territorio, pertanto godrà dello statuto di bene culturale di interesse locale: un “fiore all’occhiello” che l’OTAF saprà senz’altro valorizzare.

Una classe di scuola speciale dell'OTAF.

 

Naufragato il progetto in collaborazione con la Fondazione STCA-Ingrado a causa di una serie di criticità intrinseche al progetto stesso, rimane intatto l’impegno dell’OTAF a favore dei bambini e dei ragazzi residenti nel Sopraceneri. L’Istituto di Previdenza del Canton Ticino (IPCT) intende costruire degli stabili in via Ghiringhelli a Bellinzona, la cui domanda di costruzione dovrebbe essere depositata nel corso del 2018. In questa nuova realizzazione l'OTAF intende affittare degli spazi dove troveranno posto la scuola speciale (24 posti) e l’unità abitativa (10/12 posti letto).

La palazzina che ospita il foyer Casa Bianca a Locarno.

 

Alla fine del mese di dicembre l'amministrazione della palazzina in via della Pace 16 a Locarno, dove si trova il foyer Casa Bianca, ha informato i vertici dell'OTAF del progetto di innalzamento di due piani dell’edificio con importanti lavori di ristrutturazione. Questi lavori permetterebbero di trasferire tutto il foyer negli ultimi due piani del palazzo, con la possibilità di aumentare la capienza di tre posti letto e di migliorare l’organizzazione logistica e strutturale del foyer.

 

Fondazione OTAF

Via Collina d’Oro 3
6924 Sorengo
Tel. +41 91 985 33 33
Fax +41 91 985 33 66
segretariato@otaf.ch

Offerte libere di lavoro

risorseumane@otaf.ch